Alberto Ascari che gira sulla sua Lancia con il numero 602 stampato in grande, in un giorno ormai senza data degli anni ’50. Sulla foto ha messo la sua firma, era un regalo che Alberto aveva fatto a mio nonno Antonio perché erano amici e si erano conosciuti grazie alla loro passione comune, le motociclette. Il nonno Antonio infatti correva in moto e aveva un’officina, ma poi ha smesso di correre per amore della nonna, l’Aurelia che, a sua volta, per amore del nonno aveva fatto lo sciopero della fame che a casa, uno che correva con le moto e aveva l’officina, proprio non glielo volevano fare sposare.
Ma poi, anche se non correvano più insieme, il nonno è rimasto amico di Alberto che gli ha regalato la foto con la firma, la foto che il nonno ha incorniciato come ricordo di Alberto che morì a Monza il 26 maggio del 1955.